archivio articoli del mese:: Maggio 2018

  • Micro birrificio Birra del Borgo

  • Borgorese è un paese vicino Rieti, nel Lazio, a ridosso di una verdeggiante valle silenziosa che ospita uno dei birrifici artigianali più famosi del posto, il Birra del Borgo. Nato nel 2005, può essere considerato, insieme all’altra rinomata realtà brassicola, il Baladin, uno dei birrifici più importanti in Italia. Il creatore è Leonardo Di Vincenzo, una persona talentuosa e appassionata della materia che ha saputo sfruttare sapientemente le sue abilità bio-chimiche dando il proprio contributo al mondo della birra.

  • Birrificio CR/AK Brewery

  • Uno dei birrifici padovani più rinomati è sicuramente il CR/AK Brewery, situato in comune di Campodàrsego nel Veneto. Il progetto brassicolo ha avuto inizio nel 2012 grazie all’iniziativa di due amici, Anthony Pravato e Marco Ruffa, ex mastri birrai con indirizzi ed esperienze lavorative diverse che decidono di creare una taverna brassicola chiamata “Olmo” attraversando non pochi problemi in fase di partenza.

  • Birrificio “fantasma” Mikkeller

  • Mikkeller è un atipico birrificio “fantasma”, ossia che gira per il mondo adoperando le proprie tecniche di preparazione ma servendosi di apparecchiature di altre taverne brassicole. L’azienda non ha un proprio stabilimento per la produzione di birra ufficiale, ma collabora con diverse brewery per la creazione delle proprie ricette. L’idea del progetto di Mikkeller è stata partorita nel lontano 2006 a Copenaghen per opera di Mikkel Borg Bjergsø, un maestro di matematica e fisica e un giornalista, Kristian Klarup Keller.

  • Hofbräu, l’originale birra baverese

  • La Hofbräu Original è una delle più famose birre prodotte dalla ex birreria Reale, ora diventata proprietà dello Stato bavarese, conosciuto sulle indicazioni stradali come Freistaat Bayern, Stato libero della Baviera. Qualsiasi persona appassionata del mondo brassicolo riconosce la Hofbräu Original come la birra a bassa fermentazione più famosa di tutti i tempi legata alla secolare tradizione bavarese. E’ la classica birra con un normale grado saccarometrico (12 gradi Plato) e una base alcolica di 5,1 gradi in volume. Si contraddistingue per la schiuma abbastanza ricca oltre che per la finezza, densità, aderenza e persistenza. Anche l’aspetto “estetico” ha il suo lato affascinante: si tratta di una birra assolutamente limpida, quasi brillante, con una tonalità tendente all’oro intenso ammaliante.

  • Birrificio Amarcord

  • Si potrebbe dire che il birrificio Amarcord sia stato il precursore della birra artigianale nel nostro Bel paese. Caratterizzato da prodotti primari di finissima qualità in linea con la tradizione e la cultura territoriale che, grazie ad antiche ricette, vecchi procedimenti e proficue collaborazioni con esperti brassicoli, hanno reso Amarcord il fiore all’occhiello della birra artigianale in Italia.
    Il birrificio è situato in Romagna, patria di grandi maestri vinicoli e personaggi di un certo rilievo, come il famoso regista Fellini, da sempre fonte di grande ispirazione.